Passa ai contenuti principali

Rating creditizio

 Il rating creditizio è il giudizio sul merito di credito dell'emittente di un titolo obbligazionario dato da società di rating specializzate.  Il rating creditizio è fornito in maniera sintetica, sotto forma di sigle.  Il rating creditizio si declina nel rating emittente e nel rating emissione: Il rating creditizio dell'emittente è il giudizio sulla solvibilità complessiva dell'emittente che emette lo strumento, ovvero la sua abilità e volontà di effettuare i pagamenti degli interessi ed il rimborso del capitale, come da contratto obbligazionario. Il rating creditizio dell'emissione è il giudizio dato alla specifica emissione obbligazionaria. Il rating emittente riflette il rating dato alle emissioni senior unsecured, ovvero emissioni che sono caratterizzate da una seniority elevata, ma senza alcuna garanzia reale. Siccome una emittente può avere una struttura di capitale articolata, le varie emissioni potranno differenziarsi tra loro per  seniority, garanzie ed altre caratteristiche. Queste peculiarità influiranno la priorità dei pagamenti e quindi il valore di recupero in caso di default dell'emittente. 

Il rating creditizio si divide in due macro categorie: investment grade e non-investment grade. Il rating creditizio investment grade è riservato alle emittenti che presentano la migliore qualità creditizia, e che quindi hanno un rischio minore di non rispettare i propri obblighi finanziari. Rientrano nella categoria investment grade i giudizi AAA, AA, A e BBB. Il rating creditizio non investment grade è dato a quelle emittenti che presentano un maggior rischio di default. In questa categoria tipicamente rientrano imprese in  settori ciclici o che utilizzano una ampia leva finanziaria. Rientrano nella categoria non-investment grade i giudizi BB, CCC, CC.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a  differenza dei tradizionali CDO,  i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap). I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi. Il CDO sintetico p

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform  è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy. Ti potrebbe interessare anche: Market perform (azioni - borsa - finanza) Underperform (azioni - borsa - finanza)

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.