Passa ai contenuti principali

Short selling


Lo short selling consiste nel vendere strumenti finanziari che non sono detenuti in portafoglio, ma che vengono presi a prestito da un intermediario e venduti, per poi essere riacquistati, auspicabilmente ad un prezzo inferiore. Per chiudere la posizione short che si viene a creare con lo short selling, lo short seller dovrà riacquistare il titolo e restituirlo all'intermediario. Il profitto dello short selling si genera dal riacquisto del titolo ad un prezzo inferiore rispetto a quello di vendita. Al contrario, qualora il prezzo del titolo dovesse aumentare, lo short selling genererebbe una perdita. Conseguente, lo short selling è implementato per trarre profitto dal calo del prezzo di un titolo.

Per poter effettuare lo short selling, è necessario aprire un conto a garanzia, nel quale si deposita un margine iniziale a garanzia del prestito di titoli. Sul conto a garanzia viene accreditato il profitto derivante dallo short selling e, qualora il titolo dovesse salire di valore, il margine a garanzia dovrà essere reintegrato con ulteriore collateral. L'intermediario finanziario investirà il deposito a garanzia nel mercato monetario e pagherà allo short seller il cosiddetto tasso di rebate. Il tasso di rebate pagato sul deposito a garanzia è minore del rendimento monetario, e può essere negativo per alcuni titoli. La differenza tra il rendimento monetario che l'intermediario ottiene e il rebate pagato allo short seller rappresenta il costo implicito del prestito dei titoli.

I detentori dei titoli oggetto di short selling non hanno limiti operativi, e continueranno a ricevere il dividendo e possono, in qualsiasi momento, vendere i titoli prestati. Qualora il detentore effettivo decidesse di vendere titoli che sono stati prestati, l'intermediario prenderà a prestito gli stessi titoli  da altri investitori. Quindi, lo short selling non ha un limite temporale, ma è in funzione della capacità di conti fare a reintegrare il margine qualora la posizione e dovessero essere in perdita, ma se l'intermediario non dovesse trovare nuovi titoli da prendere a prestito, lo short seller deve restituire immediatamente i titoli presi a prestito e oggetto di short selling, riacquistandoli sul mercato e consegnandoli all'intermediario.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)