Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2019

Margin ratchet

Il margin ratchet è una clausola del contratto di credito erogato durante un'operazione di management buyout  che rende possibile ridurre lo spread iniziale della linea di credito, qualora migliori la posizione finanziaria dell'azienda. Nell'eventualità che la qualità del credito migliorasse, per poi peggiorare in seguito, il costo della linea tornerà al livello iniziale.

Working capital loan

Il working capital loan è un prestito a breve termine che viene erogato per finanziare il capitale circolante dell'azienda in determinati periodi dell'anno. Un esempio di working capital loan è quando l'azienda deve finanziarie le proprie rimanenze di magazzino in vista di un picco della domanda stagionale del proprio prodotto o servizio.


Bridge to cash loan facility

Il bridge to cash loan facility è una forma di bridge loan (prestito ponte) che viene erogato nelle operazioni di M&A e che verrà ripagato con la cassa e titoli equivalenti alla cassa della società target, non appena verrà conclusa l'operazione. Solitamente, l'importo massimo erogato con la bridge to cash loan facility è pari alla cassa netta della società target
Ti potrebbe interessare anche:
Bridge to disposal loan
Bridge to bond
Prestito ponte (bridge loan).

Floorlet

In finanza, il floorlet è la singola opzione su tassi di interesse che compone l'interest rate floor, che viene utilizzato per ridurre il rischio di oscillazione dei tassi di interesse in obbligazioni a tasso variabile, stabilendo un valore minimo sotto il quale il tasso di interesse ricevuto non può andare.
Ti potrebbe interessare anche:
Caplet Interest rate cap e interest rate floor Obbligazioni con cap e floor
Interest rate put

Caplet

In finanza, il caplet è la singola opzione su tassi di interesse che compone l'interest rate cap, che viene utilizzato per ridurre il rischio di oscillazione dei tassi di interesse in finanziamenti a tasso variabile, stabilendo un tetto massimo oltre il quale il tasso di interesse pagato non può andare.
Ti potrebbe interessare anche:
Floorlet Interest rate cap e interest rate floor Obbligazioni con cap e floor
Interest rate call





Opzione put sintetica (synthetic put)

L'opzione put sintetica (synthetic put)  replica il comportamento di un'opzione put combinando l'acquisto di un'opzione call, l'acquisto di un'obbligazione governativa dal valore pari al prezzo di esercizio della call e una posizione corta sull'attivo sottostante. Nello specifico, si vende allo scoperto l'attivo al quale si vuole avere l'esposizione e contemporaneamente vengono acquistate un'opzione call  e un'obbligazione governativa. Qualora il prezzo del sottostante sia inferiore al prezzo di esercizio, il payoff della put sintetica(synthetic put) è uguale al payoff della call, che è pari a zero, più il valore del bond, che è pari al prezzo di esercizio della put, meno il valore della posizione corta sull'attivo. Nel complesso il payoff è pari al prezzo di esercizio della put meno il valore del sottostante. Al contrario, qualora il prezzo del sottostante sia superiore al prezzo di esercizio, il valore della call è pari alla differenz…

Opzione call sintetica (synthetic call)

L'opzione call sintetica (synthetic call)  replica il comportamento di un'opzione call combinando l'attivo sottostante, un'opzione put ed una posizione corta su un'obbligazione governativa, con prezzo di esercizio pari al prezzo di esercizio della put. Nello specifico, si vende allo scoperto un'obbligazione con il valore pari al prezzo di esercizio dell'opzione put e contemporaneamente vengono acquistate un'opzione put e l'attivo al quale si vuole avere esposizione. Qualora il prezzo del sottostante sia inferiore al prezzo di esercizio, il payoff della call sintetica(synthetic call) è uguale al payoff della put, che è pari al prezzo di esercizio meno il valore del sottostante, più il valore del sottostante e meno la pozione del bond, che è pari al prezzo di esercizio della put. Nel complesso il payoff è pari a 0. Al contrario, qualora il prezzo del sottostante sia superiore al prezzo di esercizio, il valore della put è pari a 0, e quindi il payoff …

Interest rate put

L'interest rate put è un'opzione put su tassi di interesse che dà il diritto, ma non l'obbligo, di ricevere un pagamento ad un tasso di interesse certo, pari al tasso di esercizio, entro un data prestabilita. L'interest rate put genererà un profitto se il tasso di mercato è inferiore al tasso di esercizio, in quanto esercitando l'opzione, il detentore potrà ricevere il pagamento ad un tasso superiore. Come le opzioni tradizionali, l'interest rate put può essere di tipo americana o europea.
Ti potrebbe interessare anche:
Interest rate call Opzioni su tassi di interesse
Opzioni americane
Opzioni europee

Interest rate call

L'interest rate call è un'opzione call su tassi di interesse che dà il diritto, ma non l'obbligo, di effettuare un pagamento ad un tasso di interesse certo, pari al tasso di esercizio, entro un  data prestabilita. L'interest rate call genererà un profitto se il tasso di mercato è superiore al tasso di esercizio, in quanto esercitando l'opzione, il detentore potrà effettuare il pagamento ad un tasso inferiore. Come le opzioni tradizionali, l'interest rate call può essere di tipo americana o europea.
Ti potrebbe interessare anche:
Interest rate put Opzioni su tassi di interesse
Opzioni americane
Opzioni europee


Opzioni su tassi di interesse

Le opzioni su tassi di interesse sono opzioni il cui sottostante è un tasso di interesse, che danno il diritto, ma non l'obbligo, di effettuare, o ricevere, un pagamento ad un tasso di interesse certo.  A differenza di altre opzioni,  per le opzioni su tassi di interesse, il prezzo di esercizio è una tasso di interesse (tasso di esercizio), che rappresenta il tasso al quale l'investitore può effettuare o ricevere il pagamento qualora esercitasse l'opzione. Il profitto di un'opzione su tassi di interesse è dato dalla differenza tra il tasso di mercato ed i tasso di esercizio.
Ti potrebbe interessare anche:
Opzioni call e put Opzioni su obbligazioni Interest rate cap e interest rate floor Obbligazioni con cap e floor
Interest rate call
Caplet
Floorlet
Derivati sui tassi di interesse

Opzioni su azioni

Le opzioni su azioni sono opzioni che hanno come sottostante azioni. Le opzioni su azioni danno il diritto, ma non l'obbligo, di di comprare o vendere l'azione sottostante ad un prezzo prefissato ad una data futura. Un opzione call su azioni da il diritto, ma non l'obbligo, di acquistare un'azione ad un prezzo prefissato entro una data prestabilita. Le opzioni put su azioni invece danno il diritto, ma non l'obbligo, di vendere l'azione sottostante.
Ti potrebbe interessare anche:
Opzioni call e put

Deep out of the money (opzioni)

Nelle opzioni, il termine deep out of the money indica opzioni dove il prezzo del sottostante è di molto inferiore (per le opzioni call) o superiore (per le opzioni put) al prezzo di esercizio e che quindi hanno una bassa probabilità di essere esercitate. 
Ti potrebbe interessare anche:
Out of the money (opzioni)
In the money (opzioni)
Deep in the money (opzioni) ATM: At The Money (opzioni) Moneyness (opzioni)

Deep in the money (opzioni)

Nelle opzioni, il termine deep in the money indica opzioni dove il prezzo del sottostante è di molto superiore (per le opzioni call) o inferiore (per le opzioni put) al prezzo di esercizio e che quindi sono fortemente in profitto. 
Ti potrebbe interessare anche:
Out of the money (opzioni)
In the money (opzioni)
Deep out of the money (opzioni) ATM: At The Money (opzioni) Moneyness (opzioni)

Long term equity anticipation securities (LEAPS)

Le long term equity anticipation securities (LEAPS) sono opzioni quotate in borsa che hanno una scadenza  superiore ad un anno. Come per le opzioni call e put, le long term equity anticipation securities (LEAPS) permettono al compratore, dietro il pagamento di un premio, di avere il diritto, ma non l'obbligo, di comprare o vendere l'attivo sottostante ad un prezzo prefissato ad una data futura. Le LEAPS call conferiscono il diritto di comprare il sottostante mentre le LEAPS put danno il diritto di vendere il sottostante.
Ti potrebbe interessare anche:
Opzioni call e put

Conditional pass-through

La conditional pass through è una modalità di rimborso del capitale dei covered bond nella quale, in caso di insolvenza, vengono utilizzati i flussi di cassa dei titoli a garanzia per rimborsare l'obbligazione, la cui scadenza verrà estesa.
Ti potrebbe interessare anche:
Obbligazioni garantite (covered): cosa sono Obbligazioni bullet
Hard bullet
Soft bullet

Soft bullet

La soft bullet è una modalità di rimborso del capitale dei covered bond nella quale, in caso di insolvenza, non è prevista la possibilità che i titoli a garanzia delle obbligazioni covered possano essere venduti per rimborsare, secondo il piano di ammortamento, l'obbligazione garantita. Questo significa che con la soft bullet, le obbligazioni covered possono prevedere il rinvio del pagamento della cedola o del rimborso del capitale.
Ti potrebbe interessare anche:
Obbligazioni garantite (covered): cosa sono Obbligazioni bullet
Hard bullet
Conditional pass-through

Hard bullet

L'hard bullet è una modalità di rimborso del capitale dei covered bond nella quale, in caso di insolvenza, è prevista la possibilità che i titoli a garanzia delle obbligazioni covered possano essere venduti per rimborsare l'obbligazione garantita.
Ti potrebbe interessare anche:
Obbligazioni garantite (covered): cosa sono Obbligazioni bullet
Soft bullet
Conditional pass-through

Active share

L'active share è un indice che indica la correlazione della gestione attiva dei un fondo con il benchmark dichiarato. L'active share può assumere valori tra 0 e 100, dove un active share pari a 0 indica un portafoglio equivalente al benchmark mentre un active share pari a 100 significa che i titoli che compongono il portafoglio non sono contenuti nel benchmark.
Ti potrebbe interessare anche:
Stock picking (finanza) Gestione passiva e gestione attiva Active return Active risk

Duration to worst

La duration to worst è la duration che ci si può attendere da un titolo obbligazionario qualora gli scenari più sfavorevoli, previsti dalle clausole del contratto obbligazionario, si materializzino. In altre parole, la duration to worst rappresenta la sensibilità ai tassi di interesse che ci si può aspettare dalle obbligazioni callable, assumendo che l'obbligazione venga ritirata dall'emittente alla prima data disponibile. 
Ti potrebbe interessare anche:
Yield to worst Obbligazioni callable e putable
Duration e duration modificata

Competitive bid option

La competitive bid option è una clausola all'interno del contratto di un prestito sindacato che permette alla società richiedente il finanziamento di richiedere, tramite il syndication agent, offerte competitive per l'erogazione del prestito ai vari componenti del pool di banche. Tra le varie offerte competitive verrà scelta quella con i termini di pagamento migliori.
Ti potrebbe interessare anche:
Syndication agent
Opzione term-out (term-out option)

Hollow tranche

Le hollow tranche sono delle tranche create appositamente per estendere, almeno in parte, la scadenza del prestito sindacato qualora non sia possibile applicare la procedura "amend and extend". Le banche favorevoli all'estensione sostituiranno il prestito erogato con l'hollow tranche, con conseguente maggior interesse e durata.
Ti potrebbe interessare anche:
Amend and extend
Forward start facility

Amend and extend

Amend and extend è la procedura con la quale è possibile estendere la scadenza di un prestito sindacato senza ricorrere al rifinanziamento del debito. Affinché la procedura amend and extend possa essere applicata, la maggioranza del pool di banche, che è data dagli istituti che insieme hanno erogato più del 50% del prestito, deve essere d'accordo con la modifica della scadenza originaria del prestito. A questo punto, il prestito viene esteso ad una nuova scadenza, ad un tasso di interesse più alto.

Ti potrebbe interessare anche:

Hollow tranche
Forward start facility

Loan credit default swap

Il loan credit default swap è un credit default swap dove lo strumento di riferimento è un prestito garantito da attivi specifici. Il loan credit default swap prevede che il compratore effettui pagamenti periodici alla controparte in cambio dell'impegno di quest'ultima a garantire le perdite derivanti dall’evento di credito specificato nel contratto.
Ti potrebbe interesare anche:
CDS: Credit Default Swap

Swingline loan facility

La swingline loan facility è una linea di credito fornita dalla banca per periodi di tempo brevissimi, anche per un solo giorno. La swingline loan facility mette a disposizione una discreta somma di denaro in tempi brevissimi, in cambio di un tasso di interesse più alto rispetto ad una normale linea di credito.

Ti potrebbe interessare anche:

Delayed draw term loan

Maximum capital expenditure (CAPEX) covenant

Il maximum capital expenditure (CAPEX)covenant limita l'emittente ad un ammontare massimo di capital expenditure (CAPEX), ovvero l'investimento in immobilizzazioni materiali, come macchinari, capannoni e impianti di produzione.
Ti potrebbe interessare anche:
Capital covenant Covenant finanziari
Performance covenant Liquidity covenant

Tangible net worth covenant

Il tangible net worth covenant è un covenant che richiede alla società emittente di mantenere un determinato livello di valore netto tangibile, ovvero la differenza tra attività, al netto delle poste immateriali dell'attivo, e le passività.
Ti potrebbe interessare anche:
Capital covenant Covenant finanziari
Performance covenant Liquidity covenant

Best effort syndication

Nella best effort syndication il pool di banche si obbliga a sottoscrivere solo parte dell'erogazione del prestito, mentre il rimanente sarà emesso sul mercato, senza alcuna garanzia che questo venga collocato e sottoscritto dagli investitori. Solitamente, la best effort syndication è utilizzataper le società fortemente indebitate, con un rischio di credito elevato, alle quali il pool di banche vuole limitare la propria esposizione.
Ti potrebbe interessare anche:
Syndicated leveraged loans

Platform acquisition

La platform acquisition descrive un'acquisizione nella quale un fondo di private equity acquista un'azienda in un settore dove non è ancora presente e utilizza la società acquisita come piattaforma per ulteriori acquisizioni, con l'obiettivo di generare valore attraverso la creazione di sinergie.

Ti potrebe interessare anche:

Bolt-on acquisition
Sponsor to sponsor (S2S) deal
Public to private (P2P) deal

Equity infusion

Il termine equity infusion indica un'operazione finanziaria con la quale vengono fornite nuove risorse finanziare ad un'entità in difficoltà. L'equity infusion può avvenire per avere accesso ad una ristrutturazione del debito o con l'investimento diretto nel capitale sociale dell'azienda per rafforzare il bilancio.

Ti potrebbe interessare anche:

Equity cure

Syndicated leveraged loans

I syndicatedleveraged loans sono prestiti concessi da un pool di banche e altre istituzioni finanziarie ad imprese fortemente indebitate, solitamente nell'ambito di operazioni di fusioni e acquisizioni e leveraged buy-out (LBO). I syndicatedleveraged loans,essendo erogati da un pool di banche ad una stessa azienda, permettono alle banche di ridurre la propria esposizione ad una singola società e al contempo diversificare il proprio portafoglio di crediti, riducendone il rischio complessivo. 
Ti potrebbe interessare anche:

Leveraged loans

Vega (opzioni)

Il vega rappresenta la sensibilità del prezzo di un'opzione al variare della volatilità implicita dell'opzione stessa. Sia che per le opzioni call che per le put il vega è un valore positivo, in quanto all'aumentare della volatilità, aumenta il prezzo di entrambe le opzioni in quanto è più probabile che queste vengano esercitate.
Ti potrebbe interessare anche:
Opzioni call e put Rho (opzioni) Theta (opzioni)
Volatilità implicita (opzioni)

Rho (opzioni)

Il rho rappresenta la sensibilità del prezzo dell'opzione al variare dei tassi di interesse. Per le opzioni call il rho è un valore positivo in quanto più alto è il tasso di interesse, più alto è il valore dell'opzione call. Questo perché acquistare un'opzione call è equivalente ad avere esposizione con leva sul sottostante. Quando i tassi sono alti conviene acquistare una call che acquistare con margine. Per le opzioni put invece il rho è un valore negativo, in quanto più alto è il tasso di interesse, e minore il sarà valore dell'opzione put. Questo avviene perchè se i tassi di interesse salgono, si dovrebbe vendere subito il sottostante e investire il ricavato in obbligazioni che pagano un tasso di interesse maggiore invece di attendere di esercitare l'opzione.

Ti potrebbe interessare anche:
Theta (opzioni)
Vega (opzioni) Opzioni call e put

Theta (opzioni)

Il theta rappresenta il tasso al quale il valore temporale dell'opzione decade con l'avvicinarsi dell'opzione alla scadenza. Proprio per la perdita di valore che si ha con l'avvicinarsi della scadenza, il theta è quasi sempre un valore negativo.
Ti potrebbe interessare anche:
Valore temporale - time value (opzione) Opzioni call e put
Rho (opzioni)
Vega (opzioni)

Bond proxy

Il termine bond proxy è utilizzato per indicare azioni difensive e con un beta inferiore ad 1, che pagano un dividendo, e che conseguentemente hanno una sensibilità inferiore alle oscillazioni di mercato e tendono a muoversi nella stessa direzione delle obbligazioni. 
Ti potrebbe interessare anche:
Azioni low beta (low beta stocks) Azioni cicliche e difensive (anticicliche)

Azioni high beta (high beta stocks)

Le azioni high beta (high beta stocks) sono azioni che hanno un alto coefficiente beta (superiore a 1), e quindi la loro sensibilità ai movimenti di mercato risulta maggiore, ampliando cosi le oscillazioni del mercato. Le azioni high beta (high beta stocks) solitamente appartengono ad industrie cicliche e fortemente innovative, come aziende industriali, tecnologiche, finanziarie e biotecnologiche. Le azioni azioni high beta (high beta stocks) tendonoa sovraperformare il mercato durante fasi rialziste.
Ti potrebbe interessare anche:
Azioni low beta (low beta stocks) Coefficiente beta (finanza) Azioni cicliche e difensive (anticicliche)

Azioni low beta (low beta stocks)

Le azioni low beta (low beta stocks) sono azioni che hanno un coefficiente beta inferiore ad 1 se non addirittura negativo, ovvero la sensibilità ai movimenti di mercato è minore rispetto al mercato. Gli elementi che accomunano le azioni low beta (low beta stocks) sono l'appartenenza ad industrie non cicliche, come aziende farmaceutiche, beni di largo consumo e di pubblica utilità ed il pagamento di un dividendo. Le azioni azioni low beta (low beta stocks) tendonoa sovraperformare il mercato durante fasi ribassiste.
Ti potrebbe interessare anche:
Azioni high beta (high beta stocks) Coefficiente beta (finanza) Azioni cicliche e difensive (anticicliche)

Zero-cost collar

La zero-cost collar è una variante della strategia collar che ha come obiettivo azzerare il costo netto della copertura. La strategia zero-cost collar prevede quindi l'acquisto di un'opzione put e la vendita di un'opzione call con costo identico, in modo che l'incasso della vendita della call finanzi interamente l'acquisto della put.
Ti potrebbe interessare anche:
Opzioni call e put Strategia con opzioni: collar

Strategia con opzioni: collar

La strategia con opzioni collar combina l'acquisto di un'opzione put e la vendita di un'opzione call. L'obiettivo della strategia con opzioni collar è quello di limitare l'esposizione alla volatilità del sottostante e allo stesso tempo ridurre il costo della copertura. La vendita dell'opzione call con prezzo superiore al prezzo di mercato finanzia l'acquisto dell'opzione put e limita il potenziale profitto nel caso di rialzo del prezzo del sottostante. Allo stesso tempo l'acquisto della put con prezzo di esercizio inferiore al prezzo di mercato protegge da eventuali perdite nel caso il prezzo del sottostante scenda al di sotto del prezzo di esercizio della put. 
Ti potrebbe interessare anche:
Zero-cost collar Opzioni call e put Strategia con opzioni: protective put Strategia con opzioni: covered call

Short straddle

La short straddle combina la vendita di un'opzione call e di un'opzione put, con uguale sottostante, prezzo di esercizio e scadenza, con l'obiettivo di trarre profitto dalla bassa volatilità di prezzo che si prevede per il sottostante. Dato che comporta la vendita di due opzioni at the money, la strategia short straddle consente di incassare i premio ed essere in profitto, se il prezzo del sottostante non si discosta di molto durante la vita dell'opzione. La short straddle è quindi utilizzata come strategia per avere esposizione alla bassa volatilità del sottostante senza necessariamente avere un'idea se il movimento sarà al ribasso o al ribasso.
Ti potrebbe interessare anche:
Long straddle
Opzioni call e put
Strategia con opzioni: straddle

Long straddle

La long straddle combina l'acquisto di un'opzione call e di un'opzione put, con uguale sottostante, prezzo di esercizio e scadenza, con l'obiettivo di trarre profitto dal movimento al ribasso o al rialzo del sottostante. Dato che comporta l'acquisto di due opzioni at the money, la strategia long straddle è costosa. Per questo motivo, per generare profitto, quando si utilizza la long straddle ci si aspetta  un movimento del prezzo del sottostante eccezionalmente ampio, in entrambe le direzioni, da ripagare i premi pagati per le due opzioni. La long straddle è quindi utilizzata come strategia per avere esposizione alla volatilità del sottostante senza necessariamente avere un'idea se il movimento sarà al ribasso o al ribasso.
Ti potrebbe interessare anche:
Short straddle
Opzioni call e put
Strategia con opzioni: straddle

Long strangle

La strategia long strangle consiste nel comprare contemporaneamente opzioni call e put sullo stesso sottostante e scadenza, ma con diverso presso di esercizio, con l'obiettivo di trarre profitto dall'alta volatilità del sottostante. La long strangle è adottata quando ci sia aspetta che il sottostante sia molto volatile senza necessariamente prevedere la direzione dl prezzo, traendo profitto dai movimenti che superano i prezzi di esercizio della put e della call.
Ti potrebbe interessare anche:
Short strangle Strategia con opzioni: strangle Opzioni call e put

Short strangle

La strategia short strangle è un variante della strategia strangle che consiste nel vendere contemporaneamente opzioni call e put sul medesimo sottostante e con stessa scadenza, ma con diverso presso di esercizio, con l'obiettivo di trarre profitto dalla bassa volatilità del sottostante. La short strangle è adottata quando ci sia aspetta che il sottostante sia poco volatile, in modo da incassare il premio, ed essere in profitto, fino a quando il prezzo del sottostante rimane in un intervallo di prezzo  dato dal prezzo di esercizio della put e lo strike price della call.
Ti potrebbe interessare anche:
Long strangle Strategia con opzioni: strangle Opzioni call e put

Strategia con opzioni: strangle

La strategia strangle combina l'acquisto di un'opzione call e di un'opzione put, con uguale sottostante e scadenza, ma con diverso prezzo di esercizio, più alto per la call, con l'obiettivo di trarre profitto dal movimento al ribasso o al rialzo del sottostante. Il fatto, che il prezzo di esercizio della put sia inferiore a quello della call, fa si che la strategia strangle sian meno costosa da implementare rispetto alla straddle. Anche la strategia strangle è utilizzata per avere esposizione alla volatilità, sia al ribasso che al rialzo, del sottostante.

Ti potrebbe interessare anche:

Long strangle
Short strangle
Opzioni call e put
Strategia con opzioni: straddle

Intermarket spread

L'intermarket spread è una strategia che consiste nel simultaneo acquisto e vendita di due contratti futures, con la medesima scadenza, fortemente correlati tra loro, come ad esempio i futres su petrolio WTI e Brent. L'obiettivo dell'intermarket spread è quello di trarre profitto dall'aumento o dalla riduzione dello spread tra i due contratti futures. 
Ti potrebbe interesare anche:
Futures: cosa sono e come funzionano Futures su commodities: contango e backwardation

Put backspread

La putbackspread è una strategia che prevede l'acquisto e la contemporanea vendita di opzioni put, con lo stesso sottostante e scadenza, ma diverso prezzo di esercizio. In particolare, la putbackspread prevede l'acquisto di un numero maggiore di opzioni put con prezzo di esercizio più basso e la vendita di un numero inferiore di opzioni ad un prezzo di esercizio superiore, in modo da finanziare l'acquisto. Per questo motivo, la putbackspread è utilizzata quando si vuole trarre profitto dal ribasso del prezzo del sottostante. 
Ti potrebbe interessare anche:
Call backspread
Backspread Opzioni call e put

Call backspread

La callbackspread è una strategia che prevede l'acquisto e la contemporanea vendita di opzioni call, con lo stesso sottostante e scadenza, ma diverso prezzo di esercizio. In particolare, la callbackspread prevede l'acquisto di un numero maggiore di opzioni call con prezzo di esercizio più alto e la vendita di un numero inferiore di opzioni ad un prezzo di esercizio inferiore, in modo da finanziare l'acquisto. Per questo motivo, la callbackspread è utilizzata quando si vuole trarre profitto dal rialzo del prezzo del sottostante. 
Ti potrebbe interessare anche:
Backspread Opzioni call e put

Backspread

La backspread è una strategia con opzioni dove vengono acquistate e contemporaneamente vendute, in un ammontare inferiore, opzioni sullo stesso sottostante e con la medesima scadenza. La vendita delle opzioni serve a finanziare l'acquisto, dando all'investitore una maggiore esposizione al rialzo o al ribasso del sottostante a seconda che vengano utilizzate opzioni call o put.
Ti potrebbe interessare anche:
Call backspread
Put backspread Opzioni call e put

Strategia con opzioni: fence

La strategia con opzioni fence è utilizzata per limitare l'esposizione alle oscillazioni di prezzo di uno strumento finanziario. La strategia con opzioni fence si attua con una posizione lunga sul sottostante e la contemporanea vendita di un'opzione call con un prezzo di esercizio maggiore. La vendita dell'opzione call limita il potenziale profitto della posizione lunga sul sottostante. Allo stesso tempo, viene acquistata un'opzione put con prezzo di esercizio inferiore al prezzo di mercato del sottostante, per limitare le potenziali perdite della posizione lunga sul sottostante. Per finanziare l'acquisto della put viene venduta un'altra posizione put con prezzo di esercizio inferiore alla put acquistata. In questo modo l'investitore, sarà esposto alla perdita qualora il prezzo del sottostante dia inferiore al prezzo di esercizio della put venduta.
Ti potrebbe interessare anche:
Opzioni call e put Strategia con opzioni: protective put Strategia con opzioni: c…

Fixed strike lookback option

Le fixed strike lookback option sono opzioni lookback nel quale il prezzo di esercizio rimane fisso, ma il payoff è in funzione dell'andamento del prezzo del sottostante durante la vita dell'opzione. Conseguentemente, il payoff della fixed strike lookback option è calcolato a scadenza. Per le call, il payoff è calcolato utilizzando come prezzo a scadenza il prezzo massimo toccato dal sottostante durante la vita dell'opzione. Per le put, il payoff è calcolato utilizzando il prezzo minimo raggiunto. Dato che le fixed strike lookback option massimizzano il payoff, queste opzioni sono più care rispetto alle opzioni tradizionali.
Ti potrebbe interessare anche:
Lookback option (opzioni lookback)
Floating strike lookback option

Floating strike lookback option

Le floating strike lookback option sono opzioni lookback nel quale il prezzo di esercizio, e conseguentemente il payoff, varia  seconda dell'andamento del prezzo del sottostante durante la vita delle opzioni. Conseguentemente, il payoff della floating strike lookback option è calcolato a scadenza. Per le call, il payoff è calcolato utilizzando come prezzo di esercizio il prezzo minimo toccato dal sottostante. Per le put, lo strike price è dato dal prezzo massimo raggiunto. Dato che le floating strike lookback option massimizzano il payoff, queste opzioni sono più care rispetto alle opzioni tradizionali.
Ti potrebbe interessare anche:
Lookback option (opzioni lookback)
Fixed strike lookback option

Lookback option (opzioni lookback)

Le lookback option (opzioni lookback) sono opzioni esotiche nel quale il prezzo di esercizio, e conseguentemente il payoff, viene calcolato a scadenza tenendo conto dell'andamento del prezzo del sottostante durante la vita del opzione. In particolare, per una call lookback option, si terrà conto del prezzo minimo come prezzo di esercizio, mentre per un'opzione lookback putsi terrà in considerazione il prezzo massimo raggiunto durante l'esistenza dell'opzione come strike price.

Ti potrebbe interessare anche:

Floating strike lookback option
Fixed strike lookback option

Insurance linked securities

Le insurance linked securities sono obbligazioni insurance-linked emesse da società assicurative che hanno l'obiettivo di trasferire il rischio al mercato dei capitali. La cedola delle insurance linked securities è superiore rispetto ad una obbligazione tradizionale, ed è composta da un tasso variabile legata al mercato monetario più uno spread, che rappresenta il premio di riassicurazione.

Investendo in insurance linked securities l'investitore è ripagato con un rendimento maggiore rispetto ad obbligazioni tradizionali dato che se l'evento assicurativo si manifesta, la cedola viene sospesa, e eventualmente, il valore di rimborso vien ridotto o azzerato. 
Le insurance linked securities sono emesse con lacreazione di una società veicolo, special purpose reinsurance vehicle (SPRV), con cui stipula un contratto di riassicurazione. La società veicolo emette  le insurance linked securities sul mercato dei capitali. Il capitale raccolto viene depositato su conto di garanzia che…