Passa ai contenuti principali

VaR: Value at Risk (finanza)


In finanza, il Value at Risk (VaR) misura il rischio di mercato stimando la perdita, in termini monetari, che ci si aspetta sia superata con un dato livello di probabilità in un determinato periodo di tempo.

Il Value at Risk è fortemente influenzato da due variabili: il livello di probabilità scelto e il periodo di tempo nel quale si vuole calcolare il VaR.

A parità di condizioni se il livello di probabilità diminuisce, la stima di perdita fornita dal VaR aumenterà perché il VaR stimerà la perdita minima che ci si aspetta di superare con una probabilità minore. Ad esempio, se si passa da  un 5% di probabilità ad una probabilità dell'1%, la perdita  minima che ci sia spetta di superare aumenterà, in quanto la stima del VaR riflette una perdita meno probabile, pari all'1%. Al contrario se si passa da una probabilità dell'1% ad una probabilità del 5%, la perdita stimata dal VaR sarà minore.

La seconda variabile che influenza la stima del Value at Risk del portafoglio è il periodo temporale scelto. Maggiore il periodo temporale per il quale viene calcolato il VaR, maggiore è la perdita minima stimata dal Value at Risk. Questo perchè all'aumentare del lasso temporale, aumenta la probabilità di avere variazioni maggiori nel prezzo dei titoli. Ad esempio, è più probabile che il mercato azionario cali del 10% in un anno che in un giorno.

Il VaR permette quindi di avere un'idea della distribuzione delle probabilità del portafoglio e di darne una misura del rischio di mercato. Maggiore il VaR di portafoglio, maggiore è il rischio di mercato a cui è esposto i portafoglio.

Il vantaggio principale dell'utilizzo del VaR come strumento di misurazione del rischio di mercato di un portafoglio risiede nella sua semplicità di interpretazione. Allo stesso tempo il VaR può risultare non attendibile, in quanto sottovaluta i risultati estremi e non tiene conto della liquidità dei vari titoli  che compongono il portafoglio. 

Ti potrebbe interessare anche:

Rischio di mercato



Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)