Passa ai contenuti principali

Asset allocation strategica


L'asset allocation strategica integra gli obiettivi di rendimento e la tolleranza al rischio dell'investitore con le aspettative di lungo termine dei mercati dei capitali, per stabilire quali classi di attivo  andranno a comporre il portafoglio e la loro ponderazione. 

L'asset allocation strategica rappresenta il portafoglio "modello" da mantenere nel lungo periodo per raggiungere i propri obiettivi di investimento rispettando la propria tolleranza al rischio. 

L'obiettivo di rendimento di un asset allocation strategica può riguardare:
  • generare un rendimento che costituisca un reddito che possa integrare la pensione in modo da mantenere lo stesso stile di vita, 
  • generare un rendimento superiore al tasso di inflazione per mantenere il potere di acquisto, 
  • per i fondi pensionistici, l'obiettivo è quello di riuscire a far fronte ai propri obblighi nei confronti dei pensionati.
Allo stesso tempo l'asset allocation strategica deve tener conto della propensione al rischio dell'investitore. Per quantificare il rischio, l'asset allocation strategica, utilizzando simulazioni statistiche e analisi di scenari, può prevedere una volatilità attesa massima del portafoglio oppure può stimare il rischio che il portafoglio scenda al di sotto di un valore minimo specificato.

Una volta determinati l'obiettivo di rendimento ed il livello di rischio tollerato, il processo di asset allocation strategica prevede la scelta tra le varie classi di attivo e la relativa ponderazione nel portafoglio. Comunemente le classi di attivo vengono suddivise in:
  • azionario domestico
  • azionario estero
  • obbligazionario domestico
  • obbligazionario estero
  • investimenti alternativi
In ambito di asset allocation strategica, l'azionario è visto come il capitale investito a lungo termine e  la componente del portafoglio che ha l'obiettivo di crescere nel tempo, mentre la componente obbligazionaria ha la funzione di ridurre il rischio complessivo del portafoglio e di rappresentare  un  cuscinetto durante le fisiologiche fasi di volatilità e ribassi del mercato azionario. Gli investimenti alternativi invece sono visti come un classe di investimento che diversifica ulteriormente il portafoglio, con rendimenti  non correlati ad azioni e obbligazioni. 

A seconda del profilo rischio rendimento che si vuole avere, l'asset allocation strategica varierà le il peso delle varie classi di investimento, aumentando la componente obbligazionaria nel caso di una minore tolleranza al rischio e orizzonti temporali più brevi, oppure, quando si ha un'elevata tolleranza al rischio ed orizzontai temporali più lunghi, l'azionario costituirà la parte maggioritaria del portafoglio.

Inoltre, a seconda che si voglia avere la sola esposizione al beta, ovvero al rischio sistematico della classe di investimento prescelta, oppure si voglia anche avere esposizione all'alfa della gestione attiva, l'asset allocation strategica può prevedere investimenti a gestione passiva, come gli ETF che replicano il benchmark di mercato, oppure investimenti a gestione attiva, come i fondi comuni di investimento.

Ti potrebbe interessare anche:




Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)