Passa ai contenuti principali

Total return swap


Il total return swap è un contratto swap nel quale una delle due parti effettua il pagamento periodico del rendimento, dato da cedola e variazione di prezzo, di un titolo obbligazionario o paniere di titoli obbligazionari, e riceve dalla controparte il tasso monetario. Ne consegue che nel total return swap la parte che paga il rendimento dell’obbligazione e riceve il tasso variabile ha in effetti una posizione corta sul titolo, o paniere di titoli, di riferimento del contratto swap. Questo perché la parte che paga il rendimento dell’obbligazione trae un profitto da un calo di prezzo dell’obbligazione di riferimento del total return swap, che si riflette in un minor pagamento alla controparte e nel caso di rendimento totale negativo, nell’incasso dello stesso. La parte che riceve il rendimento dell’obbligazione, o paniere di obbligazioni, ed effettua il pagamento del tasso di interesse variabile ha in effetti una posizione lunga sul sottostante del total return swap. La posizione lunga si crea in quanto la parte che riceve il rendimento dell’obbligazione di riferimento dello swap, avrà un profitto dall’aumento del prezzo del sottostante in quanto riceverà un importo maggiore a fronte del pagamento del tasso monetario.

Il total return swap può essere utilizzato per trasferire il rischio di credito di un’obbligazione detenuta in portafoglio ad un soggetto terzo. Intuitivamente, nel total return swap la parte che paga il rendimento dell’obbligazione di riferimento in cambio del tasso monetario sta acquistando protezione ed è definito protection buyer. Al contrario la parte che riceve il rendimento dell’obbligazione di riferimento sta vendendo protezione ed è definito protection seller. Come altri swap, il total return swap ha una scadenza ed un valore nozionale sul quale viene calcolato il rendimento ed il tasso di interesse che formano i flussi periodici dello swap. Inoltre, il total return swap non prevedendo scambi monetari all’inizio del contratto, fornisce un’esposizione con leva al sottostante.

I total return swap possono avere il duplice scopo di coprire il rischio di obbligazioni detenute in portafoglio o di speculare sul rischio di credito creando una posizione lunga alle obbligazioni di riferimento dello swap. Nel primo caso, il rendimento delle obbligazioni detenute in portafoglio viene trasferito entrando in un total return swap come acquirente di protezione, ovvero pagando il rendimento dell’obbligazione e ricevendo il tasso monetario. La posizione netta è nulla in quanto la posizione lunga dell’obbligazione il portafoglio è coperta dalla posizione corta dello swap. Nel secondo caso si può avere un’esposizione al rischio di credito dell’obbligazione sottostante entrando in un total return swap ricevendo il rendimento dell’obbligazione. In questo caso la pozione lunga viene creata in maniera sintetica, in quanto non si detiene fisicamente l’obbligazione sottostante.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)