Passa ai contenuti principali

Derivati: cosa sono e come funzionano


I derivati sono strumenti che derivano il proprio valore da un altro attivo, definito sottostante. I derivati hanno la forma di contratti tra due parti, il compratore, che assume una posizione lunga e conseguentemente trae un profitto dal rialzo del prezzo del sottostante, e il venditore, che assume una posizione corta, e di conseguenza trae profitto dal calo del prezzo del sottostante.

I derivati possono essere divisi in due macro categorie, la prima dà la possibilità di fissare il prezzo del sottostante da scambiare ad una data successiva. Le parti quindi si obbligano a scambiare il bene ad un prezzo ed ad una data predefinita. Il classico esempio di questa categoria di derivati sono i futures. La seconda macro categoria di derivati invece fornisce ad una parte il diritto, da esercitare entro una determinata data. di acquistare o vendere il sottostante ad un prezzo prefissato, dietro pagamento di un premio. La controparte, una volta che il compratore decide di esercitare il proprio diritto, è obbligato a eseguire il contratto. Le opzioni rientrano in questa categoria di derivati.

I derivati generano una posizione con leva, in quanto il capitale richiesto per aprire una posizione, in confronto al valore nozionale, l'esposizione generate dal contratto derivato, è molto ridotto. Per questo motivo i derivati sono utilizzati per speculare o per al gestione del rischio di un portafoglio (hedging)

I derivati possono essere scambiati in mercati regolamentati e non regolamentati, i cosiddetti mercati over-the-counter (otc). I derivati scambiati in mercati regolamentati, le borse, sono contratti standardizzati, le cui caratteristiche sono decise dalla borsa e non sono modificabili dalle parti.  Al contrario,  i derivati scambiati in mercati over-the-counter sono contratti le cui caratteristiche possono essere modificate in base alle esigenze delle parti. Nei derivati scambiati su mercati regolamentati, il rischio di default della controparte è ridotto dall'intervento della clearing house, la cassa di compensazione, che richiedendo un deposito di garanzia, da integrare se la posizione è in perdita, e che le posizioni siano regolamentate giornalmente, cosi che l'esposizione non cresca in tal modo da far aumentare il rischio che una delle parti non riesca a far fronte agli obblighi alla scadenza del contratto, riduce iil rischio di default

Nei derivati over-the-counter invece, il rischio di default non è mitigato dalla clearing house. La controparte dei contratti derivati otc sono i market makers, le banche di investimento. I market maker dovranno gestire la propria esposizione ad un determinato contratto derivato, assumendo la posizione opposta con un'altra controparte. Cosi facendo, il market maker rimane neutrale al rischio ed incassa il profitto dalla vendita e dall'acquisto dei due contratti con controparti differenti.

Ti potrebbe interessare anche:

Derivati su commodities
Derivati su valute
Derivati sui tassi di interesse
Derivati di credito
Futures: cosa sono e come funzionano
Opzioni call e put
Swaption

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…