Passa ai contenuti principali

Una poltrona per due: finale


Una poltrona per due è un must la sera della vigilia di natale. Il finale della commedia, con protagonisti Jamie Lee Curtis, Eddie Murphy e Dan Aykroyd, può essere però complicato da capire: perché Whintorpe e Valentine diventano ricchi e i Duke falliscono?

I Duke, proprietari della banca d'affari Duke & Duke, corrompono il funzionario governativo Beeks per avere il rapporto sul raccolto delle arance prima che i dati vengano comunicati al mercato dal dipartimento dell'agricoltura. I Duke intendono sfruttare l'informazione speculando sul mercato dei futures del succo d'arancia surgelato. Valentine e Whintorpe sono a conoscenza del piano dei Duke e  cosi riescono a intercettare Beeks e a sottrargli il rapporto sul raccolto delle arance. 

Per trarre il massimo profitto dall'informazione privilegiata dei dati del raccolto, Whintorpe e Valentine devono prendere una posizione contraria al consenso di mercato. Il primo passo è far scommettere ai Duke tutto il proprio capitale nella direzione opposta alla loro, falsificando il rapporto del dipartimento dell'agricoltura. 

Il rapporto falsificato indica uno scarso raccolto di arance, con conseguente minore quantità prodotta ed aumento di prezzo. Essendo un bene correlato, in base al prezzo delle arance, anche il prezzo del succo d'arancia surgelato aumenterà. Anticipando un rialzo dei prezzi, i Duke decidono di entrare in una posizione lunga sui futures del succo d'arancia surgelato, comprando future e postando come margine l'intero capitale della banca. Il margine a garanzia rappresenta solo una parte del valore nozionale del futures, e dovrà essere integrato giornalmente per regolare eventuali perdite.

Forti della loro informazione privilegiata, i Duke istruiscono il proprio agente di borsa, Wilson, di comprare più contratti possibili senza badare all'aumento del prezzo. All'apertura, Wilson inizia a comprare in maniera aggressiva futures con scadenza aprile ad un prezzo di 102. Il comportamento del trader della Duke & Duke non passa inosservato agli altri operatori, che intuendo che i Duke stanno agendo sulla base di un'informazione privilegiata, iniziano a comprare anche loro futures sul succo d'arancia, spingendo il prezzo dei futures con scadenza aprile ad un picco di 142. A questo punto Whintorpe e Valentine hanno raggiunto il loro obiettivo, il mercato riflette uno scarso raccolto delle arance e il prezzo dei futures è passato da 102 a 142. 

Quando i futres raggiungono il prezzo di 142, Whintorpe e Valentine, che sono a conoscenza del vero rapporto che indica un'abbondante raccolto di arance, vendono allo scoperto 200 contratti futures con scadenza aprile ad un prezzo pari a 142, Valentine  e Whintorpe hanno cosi una posizione corta sui futures, per trarre profitto dal calo del prezzo una volta che il dipartimento dell'agricoltura comunicherà i dati del raccolto delle arance.

Quando il dipartimento di agricoltura comunica che "l'inverno rigido non ha compromesso il raccolto delle arance", il prezzo dei futures collassa, per correggere l'errata aspettativa di uno scarso raccolto e riflettere invece i nuovi dati.

Per chiudere la posizione corta, ed evitare di consegnare le arance ad aprile e incassare 142, Whintorpe e Valentine, ricomprano contratti futures tra 46 e 29. In questo modo Valentine e Whintorpe chiudono la posizione corta e traggono un profitto pari alla differenza tra il prezzo di vendita e del successivo acquisto dei futures.

I Duke capiscono di essere stati "fregati" da Whintorpe e Valentine quando li vedono vendere allo scoperto i futures a 142. Per limitare le perdite, i Duke tentano di liberarsi di tutti i contratti futures accumulati, senza successo. Avendo una posizione lunga sui futures in forte perdita, la clearing house  richiede ulteriore margine a garanzia delle perdite pari a $394 milioni, in quanto perdite e profitti devono essere regolati giornalmente e depositati alla controparte. La Duke & Duke, non avendo a disposizione nelle proprie casse $394 milioni in contanti per far fonte alla "margin call"  e mettere nuovo denaro a garanzia, viene dichiarata fallita.

Ti potrebbe interessare anche:

Futures: cosa sono e come funzionano 

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…