Passa ai contenuti principali

Rapporto prezzo-utili - Price-Earnings ratio


Si definisce rapporto prezzo-utili, o price-earnings ratio (P/E), il rapporto tra il prezzo dell'azione e l'utile per azione. Il P/E rappresenta uno dei multipli di mercato maggiormente utilizzato per valutare le azioni

La scelta fondamentale nell'utilizzo e calcolo del rapporto prezzo-utili riguarda la scelta dell'utile per azione da utilizzare. Infatti,può essere utilizzato l'utile per azione degli ultimi 12 mesi, il cosiddetto trailing P/E, oppure l'utile per azione stimato nei 12 mesi successivi (forward P/E). Questa differenza risulta molto importante nella valutazione di aziende in settori ciclici, infatti se ci si trova al picco del ciclo, e l'economia inizia a rallentare, le aziende potrebbero sembrare "sottovalutate" se si guarda al P/E con denominatore l'utile per azione dei 12 mesi recedenti, ma "sopravvalutate" se si guarda i 12 mesi successivi, in quanto viene previsto un rallentamento e quindi utili più bassi.

Solitamente, l'utile per azione utilizzato è l'utile per azione diluito, che tiene conto della possibile conversione di tutti gli strumenti convertibili e opzioni emessi, depurato da costi non operativi e non ricorrenti. Questo permette di avere un'idea dell'utile generato dalla attività aziendale e permette una migliore valutazione della qualità degli utili e della performance aziendale.

Solitamente un P/E basso è associato ad azioni di tipo value, ovvero titoli che offrono valore rispetto al mercato perchè vengono valutate con multipli di mercato inferiori e pagano dividendi superiori. Price-earnings ratio alti sono invece associati ad azioni di tipo growth, ovvero azioni che hanno prospettive di crescita superiori alla media del mercato e quindi gli investitori sono disposti a pagare di più per ogni utile generato. Inoltre il P/E è influenzato da brand, modello di business, margini e ciclicità del business. Ad esempio, Ferrari, è scambiata ad un rapporto prezzo-utili nettamente superiore al price-earnings ratio di Volkswagen o General Motors. Nonostante tutte e tre le aziende producano automobili, il brand Ferrari e il modello di business è molto più simile ad un bene di lusso che ad un produttore di auto. Per questo motivo il P/E applicato alle azioni Ferrari è simile al rapporto prezzo-utili di Hermes, il gruppo di beni di lusso francese.

Il P/E può anche essere negativo, se l'azienda non riesce a generare utili, il price-earnings ratio risulterà negativo. Nel caso ci si trovi di fronte a questo tipo di aziende, solitamente azioni di imprese  giovani e in fase di crescita, il rapporto P/E non è il metodo di valutazione più efficace.

Oltre alla crescita prevista, un importante fattore che può portare all'espansione o alla contrazione del rapporto prezzo-utili è il livello dei tassi di interesse. Se i tassi di interesse sono relativamente bassi, come nel periodo successivo alla crisi finanziaria del 2008, allora è lecito aspettarsi che il P/E sia relativamente alto rispetto a periodi precedenti, perchè gli utili futuri sono scontati ad un tasso di interesse inferiore e quindi il loro valore aumenta, causando cosi un aumento del rapporto prezzo-utili.Allo stesso modo, in un periodo in cui i tassi di interesse sono relativamente alti, gli investitori saranno disposti a pagare meno per gli utili generati dall'azienda, perché gli utili generati in futuri sono un tasso di interesse superiore, con la conseguente riduzione del price-earnings ratio.

Ti potrebbe interessare anche:

PEG ratio: P/E to growth
Utile per azione
q di Tobin
Cyclically Adjusted P/E (CAPE ratio)
Metodo dei multipli di mercato




Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…