Passa ai contenuti principali

Investimenti alternativi


Gli investimenti alternativi sono investimenti che hanno una bassa correlazione con azioni e  obbligazioni, e permettono di diversificare ulteriormente un portafoglio investito in classi di attivo tradizionali, migliorandone il profilo di rischio-rendimento. Gli investimenti alternativi, per loro definizione utilizzano strategie no convenzionali come utilizzare posizioni corte sui titoli, o investire in aziende non pubbliche. Data la loro differente strategia rispetto investimenti tradizionali, gli investimenti alternativi offrono la possibilità di aumentare ulteriormente la diversificazione di portafoglio, ottimizzandone il profilo di rischio/rendimento.

Gli investimenti alternativi riguardano gli investimenti nell'immobiliare, materie prime, hedge fund, private equity, venture capital e managed futures.
  • settore immobiliare: gli investimenti nel settore immobiliare possono riguardare l'equity, investendo direttamente in immobili o indirettamente attraverso i REITs, oppure può riguardare la parte debitoria del mercato immobiliare, e quindi i mutui privati e commerciali investendo in Mortgage Backed Securities (MBS)
  • materie prime: gli investimenti in materie prime possono essere fatti con investimenti "fisici", dove si acquista la materia prima, oppure attraverso investimenti con futures e altri derivati, dove si ottiene solo l'esposizione
  • hedge fund: son fondi di investimento che utilizzano strategie non convenzionali, utilizzando posizione lunghe e corte con l'intento di generare rendimenti in tutti i contesti di mercato
  • private equity: consiste nell'investire in società non quotate oppure di investire in società quotate e riportarle private, sistemarle livello finanziario, rilanciarle per poi uscire dall'investimento con una nuova quotazione o con una vendita.
  • venture capital: consiste nell'investimento in start-up o comunque imprese in una fase di sviluppo precoce, sperando che l'azienda diventi leader del proprio settore.
  • managed futures: si investe sul mercato dei future con algoritmi che adottano la strategia di trend-follower per seguire i trend che si creano, oppure l'esposizione è gestita discrezionalmente dal team di gestione. 
Questi investimenti hanno una bassa correlazione con azioni e obbligazioni, e la diversificazione di portafoglio generata dall'inclusione degli investimenti alternativi nel portafoglio, rappresenta il motivo principale per l'investire in questa tipologia di attivo. Questo perché i fondi alternativi possono implementare strategie complesse, utilizzando derivati e posizioni corte e quindi forniscono una bassa esposizione al rischio di mercato. Di conseguenza le performance dei fondi alternativi dipendono più dalle abilitai del gestore che al rischio della classe di attivo. Dato lo storico di volatilità, rendimento e correlazione con le tradizionali classi di attivo come azioni e obbligazioni, aggiungendo investimenti tradizionali ad un portafoglio di azioni e obbligazioni, il profilo di rischio/rendimento del portafoglio complessivo ne beneficia.

Sebbene inizialmente gli investimenti alternativi erano disponibili sono ad investitori qualificati e particolarmente benestanti, oggi gli investimenti alternativi sono molto diffusi anche tra gli investitori retail, grazie anche alla diffusione dei fondi alternativi UCITS. Infatti dalla crisi finanziaria del 2008, anche gli investitori retail hanno cercato di trovare un'alternativa alla tradizionale allocazione di portafoglio in azioni e obbligazioni. le case di investimento tradizionali, come Blackrock, e le più importanti case di investimento alternativi, come Blackstone, hanno iniziato a commercializzare strategie alternative "liquide" attraverso fondi comuni di investimento e ETF.

In Italia per avere esposizione a investimenti alternativi, gli investitori possono utilizzare i fondi di investimento alternativi UCITS, offerti dalle principali case di investimento. I fondi alternativi, a differenza dei classici fondi comuni di investimento, sono strutturati come limited partnership. che in Italia corrisponde alla società in accomandita semplice. Il general partner, o socio accomandatario, è la società di investimenti, mentre il limited partner, o socio accomandate, è l'investitore. I fondi alternativi UCITS sono invece offerti alla clientela retail e vengono sottoscritti, rimborsati e negoziati come i fondi comuni di investimento. Non essendo legati ad un indice particolare, gli investimenti alternativi rientrano nella categoria absolute return, con l'obiettivo di generare rendimenti positivi in qualsiasi contesto di mercato.

A differenza degli investimenti tradizionali, gli investimenti alternativi presentano rischi derivanti dalla minore liquidità degli investimenti, periodi minimi di detenzione della quota del fondo, poca trasparenza, utilizzo della leva finanziaria e dall'investimento in start-up che potrebbero fallire.
Le commissioni di gestione sono nettamente più alte rispetto ai fondi comuni di investimento, con commissioni di gestione che si aggirano intorno al 2%, con un ulteriore 20% di commissioni di performance.  In secondo luogo, le strategie utilizzate sono complesse, includendo derivati e posizioni corte, con l'obiettivo di generare rendimenti assoluti positivi in qualsiasi contesto di mercato, può avere performance relativamente negativa in mercati rialzisti, e allo stesso tempo non fornire una diversificazione adeguata, o comunque preventivata, durante mercati in forte calo. Infatti in periodi di panico, o durante crisi finanziarie, la correlazione tra le varie classi di attivo aumenta, rendendo difficile una diversificazione efficace.

Anche per gli investimenti alternativi è possibile utilizzare l'indice di Sharpe e l'indice di Sortino per avere sintetizzare i rendimenti coretti per il rischio. Questi risulteranno più alti rispetto alle classi di attivo tradizionali perchè investendo in strumenti illiquidi, la volatilità degli strumenti non è catturata nella sua totalità.


Ti potrebbe interessare anche:

Hedge fund: cosa sono e come funzionano
Fondi di investimento alternativi
Investimenti reali
Absolute return

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…