Passa ai contenuti principali

Buyback


Il buyback è un'operazione nella quale una società acquista le proprie azioni sul mercato secondario. Rappresenta un modo con il quale le imprese possono remunerare i propri azionisti e molte aziende decidono di affiancare programmi di buyback alla distribuzione di dividendi. Le azioni riacquistate non verranno più conteggiate nel calcolo degli utili per azione, dividendi o voti in assemblea.

Buyback: motivi

Il buyback avviene dopo che il consiglio d'amministrazione che autorizza la società a riacquistare le proprie azioni sul mercato. Nel programma di buyback viene definito l'ammontare che verrà speso nell'acquisto di azioni proprie e il periodo durante il quale gli acquisti potranno avvenire.  
Il buyback verrà realizzato a discrezione del management, a seconda da dell'andamento del mercato, e quindi può anche non essere completato o esteso in termini di ammontare e periodo, previa autorizzazione del consiglio di amministrazione. 

In un piano d'acquisto di azioni proprie, a differenza che con il pagamento dei dividendi, il denaro verrà distribuito in maniera non proporzionale al numero di azioni possedute, ma a solo chi vende effettivamente alla società quando questa è attiva nel mercato nell'acquisto delle proprie azioni Il vantaggio di questo metodo di retribuzione degli azionisti è che gli utili per azione aumenteranno e a parità di condizioni, anche il prezzo delle azioni. Dal punto di vista fiscale è maggiormente efficiente dei dividendi in quanto l'azionista che mantiene le proprie quote avrà una quota societaria maggiore senza pagare alcuna tassa.

Buyback accelerato

Nel caso di un buyback accelerato, l'azienda acquisterà in blocco le azioni con l'aiuto di una banca d'investimento. Ad esempio, una società decide di eseguire un piano accelerato di azioni proprie per un valore di $10 miliardi. La società pagherà subito i $10 miliardi alla banca d'investimento che prende a prestito dai propri clienti azioni per un importo pari a $10 miliardi e le consegna alla società. La società quindi potrà cancellare azioni per un valore di $10 miliardi, e la banca  d'investimento, nell'arco di un periodo dei tempo relativamente breve comprerà le azioni sul mercato per restituirle a coloro che le hanno prestate.

Effetti del buyback

A differenza del pagamento di dividendi, che non ha particolari effetti di bilancio, il buyback di azioni proprie va a modificare due indicatori importanti come gli EPS (utili per azioni, dall'inglese earnings per share) e il book value per share, ovvero il valore contabile per azione, che si ottiene sottraendo le passività dalle attività contabili.

Aumento degli utili per azione (EPS)

Uno dei motivi per il quale il management di una azienda decide di iniziare un programma di buyback è quello di aumentare gli utili per azione. Gli utili per azione sono calcolati dividendo l'utile netto per il numero di azioni in circolazione. Con il buyback vengono diminuite le azioni in circolazione e conseguentemente aumentano gli utili per azione senza che gli utili crescano effettivamente. Anzi, l'utile netto può anche diminuire e l'utile per azione aumentare, se il numero delle azioni in circolazione decresce più rapidamente dell'utile. Per questo motivo le operazioni di buyback rientrano nelle operazioni di ingegneria finanziaria.

Variazione nel valore contabile per azione (book value per share)



Il buyback andrà anche a modificare il valore contabile per azione, il cosiddetto book value per share, a seconda che l'azione venga scambiata ad un prezzo superiore o inferiore al valore del patrimonio netto. Nello specifico, se si acquistano azioni che vengono scambiate ad un valore superiore al valore di bilancio, allora il valore contabile per azione diminuirà a seguito dell' acquisto. Al contrario qualora l'acquisto avvenga ad un prezzo inferiore al valore contabile per azione, il book value per share salirà a seguito dell'operazione di acquisto di azioni proprie.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…