Passa ai contenuti principali

ETF obbligazionari a tasso variabile


Gli ETF obbligazionari a tasso variabile sono una soluzione per gli investitori che vogliono difendersi dal rialzo dei tassi a breve termine, ovvero quelli controllati dalle banche centrali.  Infatti, la cedola di queste tipologie di obbligazioni non è fissa, ma è legata ad un tasso di riferimento, come ad esempio il LIBOR o l'EURIBOR, e per questo motivo queste tipo di obbligazioni sono meno sensibili ai movimenti dei tassi d'interesse, in quanto si è esposti al rischio di tasso d'interesse solo tra i vari periodi nei quali viene calcolata la cedola per riflettere il valore della nuova cedola dato il livello del tasso di riferimento, tipicamente ogni 3 mesi. Per questo motivo, indipendentemente dalla scadenza effettiva delle obbligazioni che compongono il paniere dei titoli tracciati dall'ETF, la duration, e quindi la sensibilità ai tassi d'interesse, rimarrà prossima allo zero.

Su borsa italiana sono quotati diversi ETF obbligazionari a tasso variabile, completamente rivolti ad emittenti corporate con rating investment grade e con un grosso peso del portafoglio, superiore al 50%, del settore bancario. Questo perché le banche sono le principali emittenti di obbligazioni a tasso variabile. Inoltre, gli ETF obbligazionari a tasso variabile su borsa italiana replicano le obbligazioni denominate in euro emesse nell'area euro, anche da società estere, e quelle  emesse sul mercato statunitense, anche da emittenti non-US,  denominate in dollari. In quest'ultimo caso, sono disponibili due versioni, a cambio aperto e a cambio coperto. Nel primo caso, il rendimento  dell'investitore sarà dato sia dall'andamento del portafoglio di obbligazioni a tasso variabile, che dall'andamento del cambio EUR/USD. Quindi l'investitore si assume il rischio di cambio. In caso di ETF a cambio coperto, il rischio di cambio verrà ridotto con l'utilizzo di strumenti derivati, ma al rendimento del portafoglio in valuta estera, in questo caso il dollaro americano, dovrà essere sottratto il costo della copertura, che a oggi è di circa 1,5%-2% annuo.

Per come sono costituiti i portafogli degli ETF, sebbene si riduca il rischio di un rialzo dei tassi d'interesse, rimane sempre il rischio di credito e quindi una potenziale perdita di valore dovuta agli allargamenti degli spread creditizi, e in modo particolare del settore bancario.

I principali ETF obbligazionari a tasso variabile quotati su borsa italiana sono:

LU1681041114 - Amundi Floating Euro Corp 1-3
IE00BDRTCP90 - Invesco Euro Floating Rate Note
FR0012386696 - Lyxor Barclays Floating Rate Euro 0-7

LU1681041031 - Amundi Floating Rate USD Corporate - Hedged
LU1681040900 - Amundi Floating Rate USD Corporate
IE00BFZ11324 - Invesco USD Floating Rate Note
IE00BF11F458 - iShares $ Floating Rate - Hedged 
IE00BZ048462 - iShares $ Floating Rate
LU1571052130 - Lyxor $ Floating Rate Note - Hedged

Ti potrebbe interessare anche:

Obbligazioni a tasso variabile
ETF: cosa sono e come funzionano 







Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…