Passa ai contenuti principali

Indice di Sharpe


L'indice di Sharpe è un indicatore di rendimento ponderato per il rischio e misura il rendimento del portafoglio in eccesso al tasso di rendimento di un investimento privo di rischio, dato solitamente da obbligazioni governative di altissima qualità come quelle americane o tedesche.

L'indice di Sharpe fornisce quindi un'idea del trade-off tra il rendimento ottenuto ed il rischio di portafoglio, dove per rischio di portafoglio si intende la volatilità. Maggiore la volatilità del portafoglio, maggiore sarà il rischio. 

                                              Sharpe ratio =          (Rp - Rf)         
                                                                        dev.standard (Rp)

Il rischio quindi è dato dalla deviazione standard dei rendimenti, ovvero di quanto si discostano in media i rendimenti dal rendimento medio. Ad esempio un'azione avrà una volatilità maggiore rispetto ad una obbligazione, e quindi il rischio di un portafoglio azionario sarà maggiore rispetto ad un portafoglio obbligazionario.

L'indice di Sharpe è molto utilizzato nella scelta dei fondi. A parità di condizioni, un'investitore sceglierà il fondo che presenta l'indice di Sharpe maggiore, questo perché ogni unità di volatilità è maggiormente remunerata. In altre parole, a parità di volatilità di portafoglio si ha un rendimento maggiore.

Se l'indice di Sharpe è maggiore di 1, significa che si è retribuiti per il rischio assunto con l'investimento, dato che il rendimento remunera in maniera più che adeguata il rischio assunto. Al contrario se l'indice di Sharpe è minore di 1, significa che il rendimento non ripaga a sufficienza il rischio assunto.

Per i fondi che investono i strumenti che presentano una volatilità minore, è più probabile che si riesca a generare un'indice di Sharpe superiore ad 1 rispetto a fondi che investono in titoli maggiormente volatili, come ad esempio le azioni.

Sebbene sia auspicabile che un fondo abbia un indice di Sharpe superiore ad 1, bisogna comunque sottolineare che l'indice di Sharpe è solo uno degli elementi utilizzati nella scelta del fondo, e deve essere accompagnato da altre riflessioni, sia di tipo quantitativo che qualitativo.

All'indice di Sharpe non mancano i difetti. I principali limiti riguardano la volatilità, che è considerata come rischio totale e non distingue tra volatilità negativa e volatilità positiva. Ad esempio per l'indice di Sharpe, un investimento che produce volatilità positiva (volatilità che produce rendimenti positivi) ha lo stesso valore di un investimento che ha volatilità negativa (volatilità che produce rendimenti negativi). 

Un secondo aspetto riguarda la tempistica di misurazione. In un breve periodo la volatilità risulterà maggiore e quindi l'indice di Sharpe sarà minore. Al contrario, se si misura il rischio d'investimento su un periodo più lungo, ad esempio 5 anni, la volatilità diminuirà, e di conseguenza l'indice di Sharpe sarà maggiore.

Un terzo aspetto riguarda la composizione del portafoglio. Qualora il fondo detenga in portafoglio strumenti illiquidi, la deviazione standard risulterà inferiore rispetto a quella di portafogli con investimenti più liquidi. Questo perché la frequenza delle transazioni in strumenti illiquidi è minore e quindi la deviazione standard che ne deriva risulta essere inferiore, anche se in realtà non lo è.

Ti potrebbe interessare anche:

Rischio sistematico e idiosincratico
Rischio di portafoglio
Indice di Sortino
Indice di Treynor
Information Ratio
Alfa di Jensen


Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…