Passa ai contenuti principali

Obbligazioni: sono ancora un porto sicuro?


Dopo anni di allentamento quantitativo, le principali banche centrali si preparano a normalizzare le politiche monetarie. Visto il contesto, è lecito domandarsi se le obbligazioni siano ancora un porto sicuro o invece rappresentino una fonte di rischio nel portafoglio.


Obbligazioni a rischio?

Il prezzo delle obbligazioni è inversamente correlato ai tassi d'interesse: a parità di condizioni, se i tassi d'interesse salgono, il prezzo delle obbligazioni scende. Se nel nuovo anno uno dei rischi principali riguarda la politica monetaria delle banche centrali, le obbligazioni, che siano governative, societarie o specualtive, verrebbero influenzate negativamente. L' azionario, sebbene i flussi di cassa futuri delle società verngano scontati a tassi maggiori e quindi vedano il loro valore attuale diminuire, ha una correlazione più indiretta con i tassi d'interesse. Che fare quindi? Alcune strategie alternative possono rappresentare una buona diversificazione del portafoglio.

Investimenti alternativi 

Gli investimenti alternativi si caratterizzano per un profilo di rischio e di rendimento che si differenzia notevolmente rispetto agli investimenti tradizionali. In un contesto caratterizzato da valutazioni di obbligazioni ed azioni ai massimi storici, e le banche principali che sono in procinto di ritirare gli stimoli monetari, queste strategie potrebbero essere una valida diversificazione di  portafoglio.

Market neutral

Questo tipo di strategia adotta posizioni lunghe e corte (vendite allo scoperto) in modo da neutralizzare l'esposizione del portafoglio al mercato. 

Strategie d'arbitraggio

Queste strategie tentano di generare un rendimento a basso rischio: si possono concentrare sugli strumenti a reddito fisso, obbligazioni convertibili e azioni societarie (come fusioni e acquisizioni).

Global Macro

Questo approccio tenta di trarre vantaggio dai movimenti dei mercati finanziari investendo in valute e strumenti derivati come swaps, opzioni e futures oltre che ad obbligazioni ed azioni. E' una strategia che si focalizza su tendenze macroeconomiche.

Questo tipo di strategie solitamente utilizzate dagli hedged funds, possono essere sottoscritte attraverso fondi UCITS, collocati dai vari istituti finanziari, e che molto spesso vengono gestiti dalle case d'investimento che solitamente gestiscono i fondi comuni tradizionali.


Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a  differenza dei tradizionali CDO,  i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap). I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi. Il CDO sintetico p

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform  è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy. Ti potrebbe interessare anche: Market perform (azioni - borsa - finanza) Underperform (azioni - borsa - finanza)

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.