Passa ai contenuti principali

Obbligazioni high yield: cosa sono


Le obbligazioni high yield sono obbligazioni emesse da società considerate meno solide finanziariamente  rispetto alle emittenti investment grade. Le emittenti di obbligazioni high yield hanno una elevata leva finanziaria, flussi di cassa negativi, nessun vantaggio competitivo e prospettive di settore poco incoraggianti. Per questo motivo in passato le obbligazioni high yield erano chiamate obbligazioni spazzatura  (junk bonds). 

Data la natura e caratteristiche del proprio business, le emittenti in questa categoria hanno un rischio di default maggiore rispetto alle emittenti più solide. I meriti creditizi sono dati da agenzie di rating specializzate, le cui principali sono Standard&Poor's, Moody's e Fitch.

I rating speculativi sono quelli inferiori al BBB- e si delineano in:
  • BB:  l'emittente è meno vulnerabile nel breve termine di altri emittenti con rating inferiori, ma è esposta a condizioni finanziarie, economiche ed operative che in futuro potrebbero causare problemi nel rispettare i propri impegni finanziari 
  • B:  l'emittente è più  vulnerabile rispetto ad emittenti BB, ed è esposta a condizioni finanziarie, economiche ed operative che probabilmente causeranno problemi nel rispettare i propri impegni finanziari 
  • CCC: l'emittente è al momento vulnerabile, ed è dipendente da condizioni finanziarie, economiche ed operative favorevoli per  rispettare i propri impegni finanziari 
  • CC: l'emittente è al momento molto vulnerabile, il fallimento non è ancora avvenuto, ma lo si dà per certo 
I tassi di default delle obbligazioni high yield in media si assestano a circa il 4% secondo Standard & Poor's e Moody's, mentre invece per  le investment grade la percentuale è prossima allo 0. I tassi di default solitamente aumentano in corrispondenza di una recessione e diminuiscono in fasi di espansione economica. Ad esempio nelle recessioni del 2009 e 2001 i tassi di default per le obbligazioni speculative sono stati intorno al 10%. 

Chiaramente le percentuali variano a seconda del rating dell'emittente. In 20 anni i tassi cumulati di default sono (dati Standard & Poor's):
  • CCC/CC/C: superiore al 50%
  • B: circa il 30%
  • BB: circa il 20%
  • BBB: tra il 5 e 10%
  • AAA/AA/A: inferiore al 5%
Data la differenza dei tassi di default, le obbligazioni high yield hanno una maggiore sensibilità al rischio di credito che al rischio di tasso d'interesse. Il rischio di credito è misurato dal differenziale (spread) di rendimento di una obbligazione, solitamente  corporate, rispetto alle obbligazioni governative considerate prive di rischio, negli U.S.A. i treasury e in Europa il bund tedesco, con medesima scadenza.

Gli spread creditizi, e quindi le obbligazioni high yield, seguono il ciclo economico:
  • lo spread delle obbligazioni high yield tenderà a salire in prossimità di una recessione. Dato che la probabilità di default aumenta, l'investitore richieder un maggior rendimento per poter denetere l'obbligazione; 
  • durante una fase economica espansiva, gli spread delle obbligazioni high yield tenderanno a ridursi, in quanto la probabilità di default dell'emittente diminuisce, e di conseguenza il rendimento richiesto per detenere l'obbligazione high yield è minore.


FRED® Graphs ©Federal Reserve Bank of St. Louis. 2018. All rights reserved. All FRED® Graphs appear courtesy of Federal Reserve Bank of St. Louis. https://fred.stlouisfed.org/

Dato che gli gli spread di credito sono ciclici, come le azioni, i rendimenti delle obbligazioni high yield sono più legati ad attivi come l'azionario che all'obbligazionario. Quindi le obbligazioni high yield vengono inserite in un portafoglio obbligazionario per aumentare il rendimento totale del portafoglio e per avere esposizione al ciclo economico.


FRED® Graphs ©Federal Reserve Bank of St. Louis. 2018. All rights reserved. All FRED® Graphs appear courtesy of Federal Reserve Bank of St. Louis. https://fred.stlouisfed.org/


Le obbligazioni high yield, sebbene possano essere particolarmente attraenti in determinati contesti macroeconomici, presentano comunque rischi, oltre al rischio di credito,  che è bene considerare.  Il rischio di liquidità è particolarmente rilevante quando si investe in obbligazioni high yield. Il rischio di liquidità si riferisce alla possibilità di vendere l'obbligazione in grosse quantità al prezzo di mercato. Le obbligazioni high yield, a differenza delle obbligazioni governative, sono estremamente illiquide. In un periodo di forte volatilità, l'investitore con in portafoglio un'obbligazione high yield, potrebbe non riuscire a vendere per mancanza di compratori, o in alternativa, potrebbe vendere ma ad un prezzo che non riflette il valore dell'obbligazione. Il rischio di liquidità è particolarmente rilevante negli ETF che replicano l'andamento dell'indice delle obbligazioni high yield, in quanto sebbene l'ETF si ritenga uno strumento liquido, l'ETF può essere liquido solo quanto è liquido il sottostante. Nel caso delle obbligazioni high yield, è bene tener presente il possibile problema di liquidità durante periodi di forte volatilità.


Ti potrebbe interessare anche:

Agenzie di rating e credit rating
Obbligazioni corporate: cosa sono?
High yield europei: siamo arrivati alla frutta?


Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…