Passa ai contenuti principali

Fondi comuni di investimento: cosa sono


I fondi comuni di investimento sono un organismo d'investimento collettivo attraverso il quale è possibile investire in azioni, obbligazioni, immobili ed altri attivi finanziari. I fondi comuni di investimento permettono, con un investimento minimo relativamente basso, di avere una esposizione diversificata ed una gestione professionale. Il valore del fondo è il Net Asset Value (NAV), che viene calcolato giornalmente utilizzando il prezzo di chiusura dei vari strumenti presenti in portafoglio.  Il valore complessivo del fondo cosi calcolato viene diviso per il numero di quote esistenti, calcolando il NAV per ogni singola quota.

Fondi comuni di investimento: costi
Quando si investe in un fondo comune d'investimento, ci sono due livelli di costi:
  • commissione d'ingresso: è la commissione che viene pagata quando si effettua il primo versamento nel fondo. Questa è indicata come percentuale massima del valore dell'investimento (es. max 5%) nel KIID (Key Investor Information Document), in quanto la percentuale pagata può anche essere inferiore secondo gli accordi tra la società di gestione ed i propri distributori, dato che parte della commissione d'ingresso è riconosciuta ai collocatori.
  • commissione di gestione: è la commissione pagata per la gestione del fondo. Questa viene pagata trattenendola direttamente dalla performance del fondo. 

I migliori fondi di investimento: come sceglierli

Quando si investe in un fondo comune d'investimento, tipicamente ci si affida alla capacità del gestore di generare rendimenti migliori rispetto all'indice di riferimento. La differenza tra il rendimento del fondo e la performance del benchamrk rappresenta il valore aggiunto dalla gestione attiva, alpha, e questo può essere positivo o negativo.

Il fatto che il gestore riesca a battere con continuità il proprio benchmark di riferimento è sicuramente un ottimo segno, ma non basta. Bisogna chiedersi se il rendimento generato ripaga a sufficienza il rischio assunto. Ci si deve concentrare sul risk-adjusted return. Nell'ambito di questa discussione il rischio fa riferimento alla volatilità (maggiore volatilità rappresenta un rischio maggiore).

I fondi che riescono a generare un miglior rendimento proporzionato al rischio assunto sono quelli che dovrebbero essere in cima alla lista dei fondi da scegliere. I principali indicatori dei rendimenti corretti per il rischio sono: l'indice di Sharpe, l'indice di Sortino e l'information ratio.

Ti potrebbe interessare approfondire i principali indicatori della performance di un fondo:

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…