Passa ai contenuti principali

Blockchain: oltre i bitcoin


Sebbene bitcoin sia sulla bocca di tutti con opinioni contrastanti, quello che sembra passare in secondo piano. e che rappresenta la vera rivoluzione, è la tecnologia sulla quale si fonda la criptovaluta, la blockchain.

Blockchain: cos'è?

La blockchain è una libro mastro pubblico e distribuito che registra le varie transazioni in maniera efficiente, permanente e facilmente verificabile. Fino ad oggi le transazioni finanziarie sono state registrate  con il metodo della partita doppia, che prevede l'utilizzo di conti di debito e credito per registrare le operazioni. Con la blockchain tutto questo cambia. Le registrazioni delle transazioni vengono inseriti in dei "blocchi" colleghi tra loro.

Ogni blocco contiene alcune indicazioni riguardo al blocco precedente al quale è collegato. In questo modo è possibile risalire al blocco originario e a tutte le informazioni presenti nella catena. La catena dei blocchi, definita blockchain, costudisce queste informazioni.  

La blockchain forma cosi un grande libro mastro "pubblico" nel quale le informazioni vengono condivise e che ognuno può consultare ma che nessuno controlla. Infatti è per sua  natura un sistema decentralizzato. Non esiste una istituzione centrale che produce i "blocchi", questi sono generati dai partecipanti al sistema, i "miners". 

Per aggiungere un nuovo blocco alla catena, i "miners" devono completare un difficile lavoro crittografico, utilizzando una funzione hash. Tale funzione è complessa in quanto:
  • il codice risultante ha una lunghezza predeterminata qualunque sia l'input,
  • è impossibile risalire dall'output all'input,
  • una piccola variazione dell'input causa una enorme differenza nel risultato.
La creazione del codice hash come soluzione al problema computazionale certifica il blocco generato. Tale codice non può più essere utilizzato. Se qualcuno tenta in maniera fraudolenta di modificare un blocco "certificato", questi dovrebbe risolvere nuovi problemi computazionali e creare nuovi codici hash per ciascun blocco, generando una catena alternativa fino al blocco più recente. Ma tutti gli altri miners si accorgerebbero che i nuovi codici hash sono diversi dai precedenti. 

Utilizzi della blockchain

Attraverso questa sua struttura, la blockchain permette di tener traccia e memorizzare le varie informazioni in maniera molto più efficiente rispetto ad un normale database, e promette di cambiare molti settori dell'economia.

Il primo settore che viene in mente è quello finanziario. Con le transazioni che verrebbero registrate direttamente nella blockchain senza che vengano verificate e autorizzate da terze parti, i pagamenti risulterebbero più veloci, e trasferimenti di denaro che oggi impiegano anche  settimane per essere completati verrebbero conclusi in poche ore.

Dovrebbe migliorare la protezione contro le frodi, proprio per la struttura che non permette di modificare le informazioni memorizzate all'interno dei blocchi senza che tutti gli altri partecipanti al sistema se ne accorgano. E seguendo questo ragionamento anche l'utilità dell'auditing andrebbe ridimensionata, in quanto le transazioni sono facilmente verificabili e non si possono falsare facilmente cosi come con l'attuale sistema della partita doppia. Inoltre, sarebbe possibile registrare le varie transazioni nei mercati finanziari in maniera molto più efficiente di quanto si faccia adesso con l'attuale tecnologia .

Riconoscendo che la vera rivoluzione non sono i bitcoin ma la blockchain, le aziende stanno cercando di implementare questa tecnologia in altri settori, dalla logistica alla sanità.

Ti potrebbe interessare anche:

Bitcoin: cosa sono e come funzionano






Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

TWRR e MWRR

Il tasso di rendimento di un portafoglio è la variazione percentuale del valore di mercato degli attivi detenuti nel corso di un determinato lasso di tempo, al netto dei flussi di cassa positivi e negativi. Quindi il tasso di rendimento deve riferirsi solo alla variazione che deriva dall'andamento degli investimenti e quindi alle eventuali plusvalenze, minusvalenze, cedole, dividendi e interessi. I flussi di cassa in entrata e in uscita devono essere esclusi. I metodi maggiormente utilizzati per calcolare il rendimento to di un portafoglio sono il time-weighted e il money-weighted.  TWRR: Time-Weighted Rate of Return Il Time-Weighted Rate of Return (TWRR) rappresenta il tasso di crescita di una unità di denaro inizialmente investita nel portafoglio. Per calcolarlo correttamente, il portafoglio deve essere valorizzato ogni qualvolta che si presenti un flusso di cassa in entrata o in uscita. Se non ci sono flussi di cassa durante il periodo di valutazione, il TWRR è dato dal  valor…