Passa ai contenuti principali

Bitcoin verso i $10.000: la mania continuerà?


Ieri i bitcoin si sono avvicinati ulteriormente ai $10.000 dollari. Il 1 gennaio 2017 Bitcoin valeva $959,54. A ieri il ritorno da inizio anno si assestava al 942%, pari a un ritorno giornaliero di circa lo 0,7%. Nonostante la mania in atto, alcuni broker iniziano a temere per il volume e la volatilità che si sono creati.


Bitcoin: valore

valore di un bitcoin dal 2013 ad oggi

La straordinaria performance dei bitcoin è stata agevolata dal decisone in ottobre da parte della CME (Chicago Mercantile Exchange) di offrire futures sulla criptovaluta, a seguito dell'interesse di investitori istituzionali. Bitcoin interessa gli investitori istituzionali perchè è negativamente correlato ad altre classi d'investimento.
Oltre che dalla prossima creazione di futures su bitcoin, sul quale probabilmente saranno costruiti degli ETF, anche le piattaforme di trading online hanno cominciato ad interessarsi offrendo i CFD (contratti per differenza) sui bitcoin per speculare sulla loro direzione, spingendo la capitalizzazione di mercato oltre i $150 miliardi.
 
capitalizzazione di mercato del bitcoin

Bitcoin: volatilità

volatilità dei bitcoin dal 2013 ad oggi


L'esplosione dell'interesse e della volatilità che ha accompagnato bitcoin negli ultimi tempi inizia a preoccupare i broker. IG, il broker online, per ridurre i rischi ha cominciato a ridurre la propria esposizione e di conseguenza ha bloccato il trading di alcuni derivati sui Bitcoin.

Bitcoin: il trading continua a crescere

Nonostante i vari avvertimenti di una bolla pronta a scoppiare, gli investitori continuano ad aprire portafogli virtuali per mettere mano sulla criptovaluta. L'amministratore delegato di  blockchain.info, una società che, tra i vari servizi forniti, gestisce l'apertura di portafogli virtuali per acquistare bitcoin, ha raccontato al Wall Street Journal di come in meno di un anno il numero di account si sia moltiplicato da meno di un milione a decine di milioni. Coinbase, una società che gestisce portafogli virtuali e bitcoin exchanges per effettuare transazioni, a novembre ha visto il numero di account arrivare a 13 milioni, superando i 10,6 milioni di account di Charles Schwab, uno dei principali broker online americani.
Ma nonostante i racconti di persone diventate milionarie per aver ricevuto dei bitcoin anni fa nelle circostanze più strane, la maggior parte dei portafogli virtuali nel quali vengono "parcheggiati" i bitcoin contengono in media 0,1 bitcoin.


Ti potrebbe interessare anche:

Bitcoin: cosa sono e come funzionano?
Bitcoin mania: ritorno al futuro?
Azioni collegate ai Bitcoin: in bolla anche loro?
Figli del Bitcoin: le ICOs


Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)