Passa ai contenuti principali

Amazon: la prima "no-profit" a valere $550 miliardi


Google, Facebook, Apple e Amazon sono diventate parte integrante della nostra vita, ed insieme raggiungono i $2700 miliardi di capitalizzazione. Solo Stati Uniti, Cina, Giappone e Germania hanno un PIL di maggior valore. Tra le quattro società sopra citate, Amazon è quella che polarizza di più, o la ami o la odi. Nei 20 anni di vita da società quotata non ha ancora riportato un utile consistente da convalidare una valutazione di mercato che oggi si aggira intorno ai $550 miliardi.



Vendite prima, profitti dopo

Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon, nella lettera agli azionisti del 1997, anno in cui Amazon si è quotata in borsa, spiega il modello di business della società di Seattle: solidificare la leadership nei settori i cui opera per creare valore nel lungo periodo. La posizione di leadership viene misurata in crescita di vendite e clienti,  con quest'ultimi che sono il focus maniacale di Amazon. Nell'equazone di Amazon non c'è spazio per generare profitti per gli azionisti.



Sempre nella lettera agli azionisti del 1997, Bezos afferma che non solo avrebbe preferito massimizzare i flussi di cassa rispetto ai profitti contabili, ma che avrebbe dato priorità alla crescita delle vendite per sfruttare al massimo il proprio modello di business. Questa visione focalizzata sulle  vendite e l'abilità di realizzare quanto "raccontato" hanno spostato l'attenzione degli investitori sulla metrica che Bezos ritiene più importante per Amazon, la crescita.


Comprare la visione di Bezos

Chi compra le azioni di Amazon sta comprando la capacità di Bezos di continuare a cementare la propria leadership nell'e-commerce e di allargarsi in altri business e dominare anche quelli, con l'aspettativa che prima poi Amazon sia in grado di generare profitti da distribuire ai propri azionisti. Ma con Amazon questo distribuzione è continuamente rimandata, rinvestendo ogni dollaro generato in vendite in business più o meno adiacenti per far entrare sempre più persone nell'ecosistema.


Fino a quando gli investitori saranno disposti ad aspettare che Amazon generi profitti da ridistribuire, non c'è nulla che possa fermare lo schiacciasassi di Seattle.

Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)