Passa ai contenuti principali

Obbligazionario: sono gli ETF la scelta migliore?


Gli ETF sono ormai lo strumento principale attraverso il quale gli investitori acquisiscono una esposizione diversificata ad un attivo finanziario. Infatti secondo i dati forniti da Investment Company Istitute (ICI), la principale associazione di fondi, alla fine del secondo trimestre del 2017,  la massa gestita "passivamente" dagli ETF è di circa $4.000 miliardi, in fortissima crescita.

L'obbligazionario attivo batte l'obbligazionario passivo

Una delle principali motivazioni per la quale gli ETF si sono diffusi è la continua performance deludente della gestione attiva. Secondo i dati forniti da PIMCO, una delle principali società di gestione al mondo, lungo orizzonti di 1,3,5,7 e 10 anni, solo il 43% dei fondi azionari a gestione attiva è riuscito ad ottenere performance migliori della performance mediana di un gruppo di fondi passivi comparabili. Al contrario, il 63% di fondi obbligazionari a gestione attiva è riuscito a far meglio. 

Una sola emittente, diverse emissioni

Il mercato obbligazionario è strutturalmente diverso rispetto all'azionario; una stessa emittente può emettere diverse obbligazioni ognuna con diverso:
  • valore nominale: valore che sarà rimborsato alla scadenza dell'obbligazione,
  • cedola:  l'interesse periodico corrisposto ai detentori delle obbligazioni,
  • scadenza: data entro il quale verrà rimborsato il valore nominale dell'obbligazione. 
Inoltre, le obbligazioni variano tra loro anche per la loro "struttura". Esistono obbligazioni a cedola fissa, a cedola variabile, senza cedola, indicizzate, convertibili, strutturate, senior o junior e corsi via. Il fatto che una stessa emittente possa emettere cosi tante tipologie di obbligazioni permette alla gestione attiva di utilizzare strategie di arbitraggio che non sono disponibili ad una gestione passiva.

I derivati non sono sempre un male 

L'ampia gamma di strumenti derivati a disposizione della gestione attiva obbligazionaria permette di mettere in pratica idee d'investimento non disponibili nella gestione passiva. Gli strumenti derivati utilizzati tipicamente nella gestione di un portafoglio obbligazionario sono: 
  • futures per aumentare o diminuire la duration del portafoglio, e quindi la sua sensibilità alle variazioni dei tassi d'interesse,
  • CDS (credit default swap) per trarre profitto dalla compressione o allargamento degli spread (differenziali rispetto a obbligazioni considerate prive di rischio),
  • swaps per passare da tasso fisso a tasso variabile o viceversa,
  • opzioni per mettere limiti alla variazione dei tassi variabili.
Inoltre è possibile cercare di generare profitti dal movimento della curva dei rendimenti:
  • flattening: la curva si appiattisce, i rendimenti dei titoli con scadenza più lunga si avvicinano ai rendimenti dei titoli con scadenza breve
  • steepening: la curva dei rendimenti diventa più "ripida", il rendimento dei titoli a lunga scadenza si allontana dai rendimenti dei titoli a breve scadenza
  • inverted: i rendimenti dei titoli a breve scadenza sono maggiori di quelli a lunga.

Gli ETF non bastano

In un mercato come quello degli ultimi 30 anni, la gestione passiva ha fatto faville, i tassi sono passati dal 15% a negativi. Ma con le banche centrali che si preparano a ridurre gli straordinari stimoli monetari e ad alzare i tassi d'interesse, la gestione attiva potrà dare un maggior contributo agli investitori rispetto agli ultimi anni. 




Commenti

Post popolari in questo blog

CDO sintetici

I CDO sintetici sono una tipologia particolare di CDO. Come i tradizionali CDO, i CDO sintetici trasferiscono il rischio di credito di un paniere di titoli di debito a garanzia del CDO ai detentori delle varie classi del CDO sintetico. Nei CDO sintetici, a differenza dei tradizionali CDO, i titoli di debito non sono detenuti “fisicamente” dalla società veicolo, ma l’esposizione è “sintetica” ed è ottenuta attraverso l’utilizzo di derivati di credito come i CDS (credit default swap).
I CDO sintetici, a differenza dei CDO tradizionali, non passano i flussi di cassa dei titoli di debito a garanzia e non vi è una gestione attiva da parte del CDO manager, ma vi è la sola esposizione al rischio di credito del paniere di riferimento attraverso la vendita di CDS. I CDO sintetici hanno origine dalla cartolarizzazione sintetica, che è utilizzata dalle banche per trasferire il solo rischio di credito di mutui e prestiti senza il trasferimento effettivo egli stessi.
Il CDO sintetico prevede la cost…

Rischio sistematico e idiosincratico

Il rischio di un titolo può essere visto come la somma tra il rischio sistematico e il suo rischio idiosincratico. Attraverso un portafoglio ben diversificato, è possibile eliminare il rischio non sistematico ed avere esposizione al solo rischio di mercato. Rischio sistematico Il rischio sistematico è il rischio che non può essere eliminato, neanche con la diversificazione di portafoglio, e rappresenta il rischio generale del mercato. Il rischio sistematico è relativo a fattori come ad esempio il livello dei tassi di interesse e l'inflazione. Il rischio sistematico è rappresentato dal beta. Rischio idiosincratico (non-sistematico)  Il rischio  idiosincratico  è il rischio non sistematico, ovvero  è il rischio specifico del titolo, che può essere eliminato inserendo il titolo in un portafoglio con altri titoli con cui ha una bassa correlazione. Attraverso la diversificazione, il rischio idiosincratico viene eliminato e il portafoglio è esposto al solo rischio sistematico.
Ti poter…

Outperform (azioni - borsa - finanza)

Outperform è la raccomandazione data dagli analisti quando il price target a 12 mesi dell'azione in esame genera un rendimento superiore al rendimento del mercato, e per questo motivo ne  viene raccomandato l'acquisto. Outperform è equivalente alla raccomandazione buy.
Ti potrebbe interessare anche:

Market perform (azioni - borsa - finanza)
Underperform (azioni - borsa - finanza)